Come rendere la propria casa sicura con inferriate e grate di sicurezza

Per proteggere il proprio spazio abitativo è possibile installare inferriate e grate di sicurezza. Queste non sono altro che protezioni per i punti facilmente attaccabili da malintenzionati come balconi, porte e finestre.

Fondamentalmente si tratta di inferriate e grate di sicurezza realizzate in acciaio o in ferro zincato che vengono fissate alle pareti che evitano l’intrusione di estranei malintenzionati. Purtroppo basta guardare la TV o leggere un quotidiano per rendersi conto che proteggere la propria abitazione è ormai diventato quasi una necessità imprescindibile.

In molti potrebbero pensare che i moderni sistemi di antifurto possano bastare a proteggere i propri beni, ma basta pensare che oltre a spaventare eventuali ladri ed attirare l’attenzione di terzi, questi non compiono nessuna azione che possa realmente bloccare i malintenzionati. Ovviamente c’è da dire che qualsiasi inferriata o grata può essere in qualche modo danneggiata ed oltrepassata ma questo implicherebbe un grande dispendio di tempo , attrezzature adeguate e spesso i tentativi generano rumori molto elevati .Infatti per coloro che hanno delle cattive intenzioni , spesso e volentieri rinunciano a tali azioni soltanto vedendo le grate passando così ad abitazioni meno “protette”.

3MTECNOFER-GRATE-BLINDATE-DECOR-26

Tipologia di inferriate e grate di sicurezza

Possiamo dividere le grate in tre grandi categorie, vale a dire, apribili a battente , scorrevoli dentro muro, a scomparsa verticale e fisse.

Quelle fisse sono sicuramente più resistenti e molto più difficili da rimuovere essendo loro ancorate direttamente alla parete e non avendo cerniere o serrature che potrebbero essere allettanti da scassinare per un ladro. Questa tipologia però ha un utilizzo ridotto, essendo riservate a piccole finestre o solitamente quelle meno utilizzate. Da non dimenticare che in caso di vie di fuga in caso di emergenza, le grate fisse diventano una trappola senza via d’uscita.

Le grate di sicurezza apribili a battente , sono un sistema di protezione tradizionale con cerniere, snodi e chiusure centrali delle ante per garantire una maggiore sicurezza con disegni anche personalizzabili. Le grate scorrevoli dentro muro sono molto comode perché possono sparire all’interno della parete grazie a degli appositi cassonetti in acciaio da premurare in fase di costruzione. La grande novità è rappresentata delle grate avvolgibili a scomparsa che grazie alla motorizzazione , possono essere gestite da un semplice pulsante o radiocomando.

Le inferriate Impacchettabili di ultima generazione sono spesso utilizzate nei condomini , grazie al ridotto ingombro del telaio e la facilità di installazione tra avvolgibile e serramento. Un tempo venivano chiamati cancelletti a soffietto o estensibili e venivano utilizzate anche a protezioni delle vetrine dei negozi. Ovviamente questi dispositivi fungevano più da deterrente che da barriera di sicurezza. Al contrario le nuove inferriate sono concepite per resistere a lungo ai tentativi di effrazione.

Materiali e design

Solitamente, per quanto riguarda le inferriate fisse, viene utilizzato il ferro battuto, facilmente modellabile e resistente per creare un valido elemento decorativo .

Per quanto riguarda il design deve trovare un buon compromesso tra quelli che sono i gusti personali e le esigenze dell’edificio stesso che talvolta esige uno standard condominiale. Ovviamente è possibile optare per l’alluminio con blindatura interna o l’acciaio, anche se questi due materiali non possono godere di una grande lavorazione, infatti essi si limitano a forme semplici ed essenziali che garantiscono però una grandissima resistenza.

L’azienda 3M Tecnofer mette a disposizione dei propri clienti soluzioni di alta sicurezza , tutte con certificazione anti effrazione dalla classe RC2 fino alla RC 4 in base alle esigenze del cliente. Anche il design è stato curato con attenzione creando una gamma che si possa adattare alle case classiche, ai contesti condominiali o alla villa signorile. Ovviamente la situazione lo permettesse , la soluzione consigliata sarà la tipologia di Grate a Scomparsa. Luce, Aria e Sicurezza !

Come scegliere la porta garage giusta

Scegliere la porta giusta per il proprio garage è fondamentale per rendere lo spazio sicuro ed esteticamente piacevole, di fatto in commercio sono presenti diverse tipologie di porte con caratteristiche di sicurezza di vari livelli e con estetiche anche personalizzabili . Nello specifico l’azienda 3M Tecnofer, nel settore da oltre 35 anni, garantisce ai propri clienti sicurezza contro i tentativi di effrazione , qualità dei materiali e ricerca nel design mettendo a disposizione una vasta gamma di modelli dalle infinite caratteristiche.

3MTECNOFER-BASCULANTI-7

La porta giusta

Fondamentalmente la prima cosa che occorre considerare per scegliere la porta del garage giusta è quella di verificare tutte le misure dell’area interna in modo da valutare l’area di manovra della porta specialmente nel caso di porta basculante. Ovviamente la situazione è diversa tra sostituzione di una porta da garage esistente che può essere con apertura basculante e in alcuni casi con apertura a battente o a libro mentre nel caso di nuova costruzione la progettazione permette scelte più ampie.

Nel caso la porta da garage fosse in diretto collegamento con l’abitazione, è consigliabile scegliere un prodotto che sia in grado di resistere ai tentativi di effrazione dotato di blindatura con lamiere in acciaio e serrature di sicurezza multipunto.

Non meno importante è l’aspetto estetico dal lato esterno , specialmente se la porta garage è inserita nel prospetto principale del fabbricato, magari vicina alla porta di ingresso.

Tipologie di porte

Dopo aver fatto tutti i rilievi necessari bisognerà valutare qual è la porta più adatta alle nostre esigenze, probabilmente alcune situazioni potrebbero sembrare irrisolvibili ma grazie all’azienda 3MTecnofer che offre una vasta gamma di porte per garage, questo non rappresenterà sicuramente un problema.

Una delle soluzioni più diffuse sono le Porte Basculanti Blindate , le quali offrono un’elevata sicurezza anti effrazione, l’apertura e il bloccaggio possono essere motorizzati e comandati da un radio comando rolling – code per offrire elevate garanzie contro la clonazione il rivestimento esterno può essere personalizzato con materiali e finiture di svariate tipologie.

Di grande interesse vi sono anche i Portoni Sezionali in Acciaio Rinforzato . La porta sezionale scorre in modo verticale su delle apposite guide laterali che seguono il soffitto in modo da poter sfruttare al massimo la larghezza del passaggio mentre il manto si posiziona parallelo al soffitto. Questa funzionalità permette di sfruttare al massimo lo spazio interno e l’area esterna difronte alla porta. L’apertura può essere manuale o motorizzata con tutti i dispositivi di sicurezza previsti dalle normative vigenti.

Sia per le porte basculanti che per le sezionali è possibile inserire la porta pedonale per consentire l’accesso al garage senza aprirla completamente . In questi casi la porta pedonale si dovrà aprire verso l’esterno per motivi di sicurezza anti infortunio .Per garantire maggiore resistenza all’effrazione consigliamo di scegliere una porta basculante con cerniere a scomparsa.

Entrambe le soluzione danno la massima garanzia in termini di tenuta termo acustica , nonché resistenza agli agenti esterni , garantendo comfort interno e minima manutenzione negli anni.

Porta blindata prezzo: ecco quanto costa installarla

Oggigiorno il commercio di porte blindate sta aumentando sempre di più. 
Le porte blindate rispondono a specifiche esigenze per ogni persona e per ogni contesto abitativo e residenziale.
Tra i criteri di scelta della porta blindata più efficace, c’è sicuramente da valutare anche il budget a disposizione. Ovviamente devi considerare che maggior importanza dai alla scelta della porta blindata più adeguata, maggiore è la sicurezza che darai alla tua abitazione e alla tua famiglia.
La porta blindata è uno degli investimenti più importanti da fare proprio perchè è un bene che ti durerà per tutto il tempo in cui deciderai di rimanere in quell’abitazione. 
I componenti e gli accessori quindi devono essere progettati e costruiti per essere efficienti nel tempo. 
Una porta che dopo diversi anni non chiude più bene o si deteriora significa che non è stata scelta con la dovuta attenzione.

Di seguito spiegheremo quali sono i criteri per scegliere il costo della giusta porta blindata.

3MTECNOFER-PORTEBLINDATE-CIECHE-CLASSICHE

Fattori che determinano i prezzi di una porta blindata

Ci sono diversi fattori che determinano il costo di una porta blindata. Quali sono gli elementi da considerare per affrontare i diversi preventivi di spesa di porte blindate?

1. TIPOLOGIA
Stai optando per un porta per esterni esposta agli agenti atmosferici oppure per una porta interna in un condominio?
Devi considerare che la porta per esterni ha un prezzo leggermente più elevato dovuto al livello di isolamento termico maggiore che dovrai raggiungere.

2. ANTE
Da quante ante è formata la porta blindata? Ha un’anta unica, due ante o è un’anta con una parte fissa? Solitamente l’anta unica ha un prezzo più contenuto di una due ante della stessa tipologia, caratteristiche e prestazioni.

3. DIMENSIONI
È una porta con dimensioni standard oppure è una porta fuori misura?
Di solito le dimensioni standard di una porta ad un’anta ( sia da interni che da esterni) sono di 80-85-90 cm in larghezza e 200-210 cm un altezza. Bisogna tenere in conto che eventuali porte fuori misura possono incidere per un 10-30% sul prezzo totale della porta.

4. LIVELLO DI SICUREZZA
Il livello di sicurezza è rilevante sul costo di una porta blindata perché determina il grado di resistenza agli attacchi e ai possibili tentativi di effrazione e scasso. 
Esistono diversi livelli o classi antieffrazione delle porte blindate che vanno da un livello minimo di 1 ad un livello massimo di 6.
Per le porte delle abitazioni private i livelli di sicurezza consigliati devono essere di classe 3 o classe 4.
Una porta priva di grado di sicurezza e di certificazioni antieffrazione è controproducente per la sicurezza della tua casa e per l’incolumità delle persone che ci vivono.

5. PANNELLI
La scelta degli accessori esterni di una porta per ambienti interni ( come all’interno di un condominio) è quasi sempre vincolata dall’estetica decisa dai condomini.
Dovrai quindi seguire le finiture simili alle porte presenti in origine. Decidere di installare pannelli di tonalità diverse comporta solo discussioni infinite tra i condomini del palazzo.
Se si tratta di una porta per esterni di una casa indipendente, invece, si ha una maggiore scelta per quanto riguarda i colori e gli eventuali decori. 
Nel caso di pannelli interni puoi scegliere il modello, la decorazione e il colore che più desideri e che sia conforme al tipo di arredamento che hai scelto per la tua abitazione.
Nel commercio esistono numerosi pannelli diversi che possono avvicinarsi alle tue esigenze.

6. ACCESSORI E COMPONENTI
Esistono diversi componenti che possono aumentare la performance acustica e termica e che rendono più sicura e funzionale la vostra porta.
Esistono accessori come spioncini digitali adatti soprattutto ai bambini o a persone con disabilità che possono osservare dall’interno senza dover aprire la porta di casa.
Un professionista competente e specializzato può consigliarvi sugli accessori e componenti che volete acquistare.

7. POSA IN OPERA
La posa in opera è un servizio molto importante per sfruttare al massimo i vantaggi di una porta blindata in termini di funzionalità, sicurezza e comfort.
Con l’installazione di una corretta posa, ad opera di un personale professionale e specializzato, il livello di sicurezza sarà sicuramente più elevato e garantito.

Quale è il valore di una porta blindata?

Il valore di una porta blindata è da distinguere con il concetto di quanto costa una porta blindata. Infatti il valore da attribuire alla porta blindata lo decidiamo noi o meglio cosa vogliamo proteggere. Se l’accesso principale della casa è una porta blindata il suo valore è il valore che dai alle persone e alle cose che vuoi proteggere all’interno della tua casa.

Quale è il prezzo di una porta blindata?

Dopo aver capito il valore della porta blindata, passiamo ai prezzi.
In commercio esistono decine di modelli di porte blindate che riescono a soddisfare tutte le tasche, e variano dai 500 ai 5.000 euro circa, a seconda della tipologia e del livello di sicurezza. Tuttavia, se desideri puntare sulla qualità dei materiali e la sicurezza, l’argomento costi potrebbe essere determinante per la tua scelta.

Ecco una tabella indicativa con il range di prezzo per le porte blindate in classe 3 o 4, ossia quelle più indicate per la tua abitazione.

Porta blindata classe 3 da interni 1.500€ / 3.000€
Porta blindata classe 3 da esterni 1.800 € / 3.000€
Porta blindata classe 4 da interni 1.800€ / 4.000€
Porta blindata classe 4 da esterni 2.200€ / 5.000€

Classi antieffrazione nelle versioni cieche Tipologia Prezzi*

*I prezzi sono netti e comprensivi di posa in opera indicativa da valutare in base al contesto e alla tipologia di intervento.

Le porte blindate vendute ad un prezzo inferiore sono da considerare scadenti o addirittura non certificate. Se vuoi vivere sereno e tranquillo quando sei in casa o quando sei fuori, le porte blindate economiche e di scarsa qualità non sono adatte per proteggerti e darti un minimo di sicurezza.

Cosa determina il costo della porta blindata?
Il prezzo della porta blindata comprende anche tutto il servizio “dietro le quinte” ed esso ammonta a circa 500€.
C’e modo di risparmiare sull’installazione della porta blindata?
La tentazione è molto alta ma allo stesso tempo sconsigliabile.

L’installazione di una porta blindata implica i seguenti passaggi che un inesperto potrebbe trovare delle difficoltà:
• Montaggio della porta sui mezzi di trasporto;
• Mezzi di trasporto adeguati;
• Scarico al piano della porta;
• Scardinare la vecchia porta;
• Installazione della nuova porta con materiali resi idonei e certificati;
• Registrazioni;
• Rifiniture e migliorie del pannello in modo da far adeguare la nuova porta all’entrata.
• Smaltimento vecchia porta.

Vuoi un nostro consiglio?

Non risparmiare mai sulla posa in opera, e accertati sempre che chi installerà la porta sia un posatore qualificato e che usi materiali di posa certificati per il lavoro che sta facendo.

Porte blindate invisibili raso muro: cosa sono

Eleganti e minimaliste, senza rinunciare alle caratteristiche prestazionali di una porta di sicurezza, le porte blindate invisibili raso muro si distinguono per l’assenza del telaio e delle cerniere a vista.

3MTECNOFER-PORTEBLINDATE-PLANAR

Cosa sono le porte blindate invisibili filo muro

Più che una necessità, la porta blindata è ormai un’esigenza: ma l’obiettivo estetico, richiede che, senza tralasciare la propria identità funzionale, la porta si armonizzi stilisticamente con l’ambiente circostante. Per questi motivi, le porte blindate di moderna concezione, come quelle filo muro, non sono solo sicure, ma anche eleganti e di design.

Nuove soluzioni

Le porte filo muro sono una particolare tipologia di porte a battente, completamente prive di telaio , cerniere e cornici a vista. Le speciali cerniere saldate all’interno della scocca , sono visibili solo in fase di apertura del battente. Anche il telaio in acciaio è realizzato per essere integrato alla parete : in questo modo la porta si “fonde” con la parete, integrandosi sostanzialmente e visivamente con essa.
Nella parte interna, la porta blindata invisibile può essere rivestita seguendo lo stile dell’arredamento della casa, ma può anche essere assolutamente in contrasto, assumendo un carattere individuale. Il rivestimento del pannello interno può essere realizzato nella maniera più articolata: in legno impiallacciato nelle sue essenze più moderne, o in laccato tecnico e chic, oppure anche dipinto dello stesso colore delle pareti, per un effetto di integrazione uniforme e completa.

Nuove visioni

Perfettamente rispondenti alle moderne esigenze di design nei colori e nelle linee, alcune volte le porte blindate filo muro sono completamente innovative, al punto da diventare il riferimento stilistico dell’intero arredamento; altre volte possono avere una funzione decorativa, adeguandosi alla personalità della casa e assumendo lo stesso ruolo di un importante complemento d’arredo.

Di tendenza oggi, la rivisitazione in chiave contemporanea di mode del passato, che consente di inserire una soluzione ultra moderna, come la porta filo muro, anche in un ambiente di stile classico.

Vantaggi delle porte blindate filo muro

La tutela della serenità raggiungibile con le porte blindate invisibili , si realizza con uno stile discreto e mai invadente, che risponde in contemporanea ad esigenze di estetica rinnovata e di gestione razionale dello spazio, e la cui leggerezza non pregiudica la resistenza ai tentativi di effrazione.

Ottimizzazione degli spazi

La leggerezza delle linee non è solo godibile visivamente, ma si concretizza in un ingombro minore dell’ambiente. Si realizza così un’evidente rimodulazione degli spazi, che diventano flessibili e più accessibili e usufruiscono della continuità della parete con la porta blindata.

Viene agevolato anche il posizionamento dei vari pezzi di arredamento, che trovano più libera collocazione in un ambiente in cui si privilegia la linearità.
La porta blindata abbandona così il suo tradizionale aspetto incombente, a vantaggio di un’estetica leggera, integrata con l’ambiente, in cui anche i dettagli “tecnici” visibili (come maniglie e serrature) sono ridotti all’essenziale.

Estetica e funzionalità

Le porte blindate invisibili sono la soluzione ideale negli ambienti arredati in stile contemporaneo, grazie alle linee che diventano totalmente pure: anche le guarnizioni, infatti, sono invisibili, in quanto non si interrompono nel punto in cui incontrano le cerniere, diversamente da quanto succede nelle porte blindate tradizionali.

Il valore aggiunto di questa tipologia di porte è che l’estetica aumentata non penalizza la funzionalità ma anzi la incrementa, migliorando anche, ad esempio, l’isolamento acustico e termico.

Scegliere il pannello per la porta blindata per esterni!

Il design del vostro portone blindato non è cosa di poco conto. Soprattutto se è posizionato all’esterno la scelta sarà importante sia per dare un’identità alla vostra casa e per risultare resistente ai vari agenti atmosferici come : raggi solari diretti , pioggia, grandine, vento , neve e magari necessitare di poca manutenzione.

Come scegliere il materiale e l’estetica del pannello esterno di rivestimento

Sarà molto importante scegliere nel miglior modo possibile il materiale di rivestimento del pannello del vostro portone. Molteplici sono i materiali utilizzabili, occorrerà solo fare una scelta che soddisfi caratteristiche ed esigenze.

Requisiti essenziali nella scelta del rivestimento esterno della porta blindata

  • È il biglietto da visita dell’abitazione , perciò deve rappresentare lo stile architettonico dell’edificio in cui sarà inserito.
  • In base al tipo di esposizione è fondamentale la scelta del materiale utilizzato. Da molti anni si utilizzano pannelli realizzati in multistrato marino o mdf idrofugo che vengono sottoposti a lavorazioni a pantografo con disegni a scelta del committente. La finiture sono realizzate con vernici all’acqua sia con uso di impregnanti tonalizzate legno o laccate in base alla mazzetta Ral. Per applicazioni soggette ad agenti atmosferici diretti , il rivestimento esterno può essere realizzato in Alluminio con base in mdf idrofugo , Acciaio, Ceramica , Pietra sottile o Cristallo Temperato Retroverniciato.
  • Le scocche delle nuove porte blindate così come i telai sono studiati e realizzati per garantire un elevato grado di isolamento termico ed acustico, tuttavia i rivestimenti se realizzati o supportati con pannelli di base in multistrato marino o altri materiali altamente performanti , aumentano notevolmente le caratteristiche prestazionali della porta blindata.
  • Anche la manutenzione ha la sua importanza. Come tutti sappiamo i vecchi e amati portoncini in legno massiccio, necessitano di costanti interventi di manutenzione mediante carteggiatura e riverniciatura , purtroppo molto spesso manca il tempo o l’interesse di farla. Ecco perché al momento della scelta della porta blindata da esterno si dovrà valutare anche questo aspetto.
  • L’ecocompatibilità dei materiali utilizzati. E’ di fondamentale rilevanza che materiali. vernici e cicli di verniciatura rispettino al massimo la filiera della nuova sostenibilità. Privilegiando materiali riciclabili al 100% e con basso impatto ambientale.

Qualche Consiglio

Il legno è da sempre il materiale per eccellenza grazie alle sue caratteristiche ,alla scelta di essenze disponibili e la sua grande lavorabilità è utilizzabile in ogni contesto. Legno massiccio , multistrato marino di okumè opportunamente lavorati da falegnamerie specializzate coadiuvate dalle nuove tecnologie come i Centri di lavoro e nuovi tipologie di vernici e relativi cicli applicativi, possono resistere per molti anni all’esterno. Tuttavia il legno necessita di manutenzione anche se con tempi molto dilatati rispetto ai vecchie porte . Se poi il portoncino blindato è posizionato fronte strada , il traffico , lo smog e il passaggio di persone e animali , può ridurre anche di molto i tempi di manutenzione . In questi casi i nuovi materiali possono rivelarsi di grande aiuto.

A cominciare da Pannelli in Alluminio coibentato , realizzati con materiali riciclabili al 100% ottenuti con sistema sandwich di due pannelli con interposto pannello in mdf idrorepellente o poliesteri . Lo spessore totale può variare dai 7 ai 21 mm secondo i modelli e sono realizzabili anche in versione vetrata. Negli ultimi anni la ricerca ha fatto notevoli passi in avanti , permettendo di utilizzare materiali con spessori e pesi ridotti , tali da essere applicati sulla scocca della porta blindata. Alcuni esempi sono rappresentati dalle lastre in ceramica ultra sottile, fogli di pietra tagliata e riportata su basi in tessuto o vetroresina , lamiere di acciaio Inox o Corten ® , cristalli temperati retro verniciati con speciali prodotti resistenti ai raggi UV. Il tutto supportato da pannelli in materiale ad alto isolamento termico ed acustico.

In base a quanto vi abbiamo fin qui riassunto, pensiamo e speriamo di averci fornito qualche elemento in più per scegliere al meglio il “primo serramento di casa vostra”: La Porta Blindata.
Affidatevi ad aziende in grado di fornirvi un prodotto di qualità elevata , che protegga , isoli termicamente ed acusticamente la vostra casa , che abbia scarsa manutenzione e che sia rappresentativo della vostra casa e non ultimo installato da professionisti certificati in grado di garantirvi un’accurata Post Vendita !

Quale serratura per la porta blindata di ingresso

La porta blindata di ingresso è un elemento fondamentale per assicurare la sicurezza della nostra casa e di ciò che ci è caro.

Quando decidiamo di acquistarne una, la scelta della serratura adottata è certamente uno dei punti fondamentali ; da essa , infatti deriva la resistenza della porta e la quindi la sicurezza stessa dell’abitazione. Naturalmente, in commercio esistono diverse tipologie di serratura per porta blindate  è importante, perciò, avere le idee chiare e scegliere in modo consapevole.

Quando è nata la porta blindata, la prima serratura adottata era del tipo a Doppia Mappa. Seppure abbia svolto un ruolo fondamentale per alcuni decenni, ormai è un modello troppo conosciuto e quindi facilmente manipolabile . La stessa chiave è facilmente riproducibile ma esistono strumenti, acquistabili anche on line che riescono facilmente ed in pochissimo tempo, aprire la serratura senza il minimo danno o rumore . E’ necessario, perciò, optare per altri modelli più evoluti e altamente efficaci contro i tentativi di effrazione e di manipolazione.

Serratura a cilindro europeo: la scelta ottimale

Il modello a doppia mappa è stato sostituito da diversi anni da quello a cilindro europeo, oggi considerato molto più sicuro. Questa tipologia di serratura ha un funzionamento diverso rispetto a quella a doppia mappa. L’apertura e la chiusura sono gestite grazie ad un sistema basato su una scatola contenente leve e ingranaggi. Questi ultimi permettono il movimento dei catenacci che si inseriscono nel telaio in acciaio della porta blindata.

La serratura europea è composta da tre componenti:

Corpo serratura: si tratta della scatola metallica che contiene il meccanismo, tra cui i chiavistelli e lo scrocco. A protezione della scatola è posta una piastra al manganese, il cui compito è quello di rendere ancora più ardua la foratura della scatola stessa, già di per sé molto resistente. Nel caso in cui essa, però, venga forata, entra in funzione la trappola, ossia un sistema che blocca immediatamente tutti i catenacci rendendo di fatto impossibile l’apertura della porta.

Cilindro europeo, detto ad alta sicurezza, è quello che ha la certificazione anti-trapano anti-bumping ed anti-picking. E’ sempre fornito assieme ad un certificato che ne garantisce la qualità e da una tessera riportante il codice identificativo delle chiavi. Senza questo codice identificativo è assolutamente impossibile riprodurre le chiavi. E’ fondamentale, quindi, che esso venga conservato dal proprietario in un luogo ben protetto.

Defender: si tratta di un guscio in acciaio che protegge frontalmente il cilindro. In commercio se ne trovano molti modelli, diversi sia per prezzo che per prestazioni. È importante dedicare tempo ed attenzione alla scelta di questo componente della serratura a cilindro europeo della nostra porta blindata. Di solito ha due caratteristiche principali, che ne aumentano la sicurezza:
              – ha una consistenza pensata per resistere ad attacchi con trapano;
              – ha una forma arrotondata, che serve per impedire di agganciarlo e, in questo modo, strapparlo dalla sua sede.

La serratura a cilindro europeo è dunque uno strumento davvero raffinato per difendere la nostra sicurezza. Lasciamoci consigliare sul modello ideale da professionisti e tecnici.

La Serratura Elettronica Motorizzata: Il Top della Sicurezza e Praticità

La nuova frontiera della sicurezza è senza dubbio la serratura elettronica motorizzata. Le nuove tecnologie elettroniche sono state inglobate ai tradizionali sistemi meccanici in modo da integrare perfettamente la sicurezza dei componenti in acciaio all’elettronica grazie a micro motorizzazioni e centraline di comando e controllo.

La serratura elettronica di base ha le stesse componenti della serratura a cilindro europeo, compreso lo stesso cilindro con relativo defender esterno di protezione e piastra al manganese a protezione dei meccanismi interni alla serratura . Questo per consentire l’apertura manuale della porta in situazioni di emergenza, di mancanza di alimentazione o semplicemente perché decidiamo di aprire la porta con la chiave meccanica.

Il sistema elettronico è altamente sicuro grazie ai numerosi dispositivi di anti criptazione previsti nella centralina di comando che hanno superato i testi più severi presso i laboratori abilitati.

Come funziona la serratura elettronica motorizzata ?

Molto semplice! Per aprire la porta dall’esterno basterà avvicinare la chiave elettronica, alla mostrina esterna della porta , o digitare il codice predefinito sulla tastiera numerica , o appoggiare il dito precedentemente codificato sul lettore di impronta inserito sul pannello di rivestimento. Mediante la nuova Applicazione per Smart Phone è possibile programmare e abilitare / disabilitare giorni e orari anche per l’accesso a personale di servizio o per le emergenze, anche da remoto. Sistema questo molto utile per la gestione degli accessi nei Residence o B&B.

La chiusura dei catenacci e quindi il bloccaggio della porta avviene solo appoggiando l’anta al telaio. I catenacci usciranno automaticamente!

Come nasce una porta blindata vetrata

Da diversi anni, nelle villette, i vecchi portoncini d’ingresso costruiti in legno, alluminio o in ferro stanno cedendo il passo alle nuove porte blindate sia per vetustà e soprattutto per motivi di sicurezza, vista la facilità con cui si possono forzare.
Le porte blindate sono composte da una controtelaio in acciaio da fissare al muro mediante apposite zanche , speciali tasselli o perni in acciaio, dal telaio in acciaio che viene fissato al controtelaio mediante delle viti ad alta resistenza , dall’anta o scocca in acciaio mono o bilamiera rinforzate da strutture verticali od orizzontali , al cui interno viene posizionata la coibentazione in polistirolo ad alta densità o lana di roccia. Il bloccaggio avviene tramite una serratura di alta sicurezza meccanica a cilindro europeo con defender anti trapano e per le versioni top con serratura elettronica motorizzata. Le cerniere delle porte blindate sono saldate ad anta e telaio e possono essere a vista o a scomparsa in base al modello scelto. Speciali rostri fissi o strutturali garantiscono la resistenza dal lato cerniere. Dispositivi come parafreddo o soglia fissa a pavimento , eventuale limitatore di apertura e maniglierie completano il kit della porta blindata.

Porte blindate vetrate

Come sappiamo le porte delle case , ville o villette erano quasi sempre vetrate , per dare luce all’interno dell’ingresso. Questi vetri erano perlopiù senza vetro camera, trasparenti o con decorazioni e ovviamente non blindati.

Per soddisfare l’esigenza del mercato che richiedeva porte blindate anche di grandi dimensioni ad anta singola , doppia anta , con fianchi vetrati e sopraluce , i fabbricanti di porte blindate hanno dovuto progettare strutture adeguate a sostenere vetri anti effrazione e/o anti proiettile con pesi significativi senza trascurare l’aspetto dell’isolamento termico ed acustico in ottemperanza delle sempre più stringenti normative inerenti al risparmio energetico e al comfort abitativo.

Molti costruttori si limitano a ricavare il foro sull’anta cieca , senza valutare le differenze di peso dovute al tipo di vetro da installare e al maggior spessore del rivestimento esterno . Ciò potrebbe creare notevoli problemi in fase di installazione , assestamenti o cedimenti del battente nel corso degli anni, costringendo il cliente a sostenere spese continue per la registrazione della porta blindata.

Una porta blindata di qualità deve essere progettata seguendo delle specifiche precise. L’anta apribile deve essere costruita con dei rinforzi adeguati alle misure , alla tipologia di vetro scelta , vedi dimensioni e spessore. Non ultimo considerando il peso dei rivestimenti. In sintesi ogni porta blindata su misura dovrebbe essere un progetto unico e personalizzato.

Vetri blindati per porte vetrate

Una Porta Blindata Vetrata Certificata anti intrusione in classe RC3 – RC 4 deve installare vetri blindati corrispondenti a tali classi. I vetri cosiddetti di sicurezza sono solitamente composti da due o più strati di vetro con interposti diversi strati di un materiale plastico denominato PVB (polivinil – buttirale) . Il PVB conferisce resistenza in caso di tentativi di rottura ed essendo il PVB colloso, mantiene il vetro incollato allo stesso , garantendo così una maggiore sicurezza contro gli infortuni. Maggiore sarà il numero di strati di PVB , più alta sarà la resistenza del vetro agli attacchi .Tutti i vetri destinati all’esterno devono essere assemblati con il sistema vetro camera per garantire elevate prestazioni termiche in base alle norme vigenti a seconda delle zone climatiche.

Molti produttori di serramenti o porte di sicurezza alla richiesta del cliente ma il vetro è antisfondamento ? , spesso rispondono affermativamente senza però fornire una dichiarazione scritta delle prestazioni e la conseguente classe di appartenenza del vetro stesso. Per chiarezza vi spieghiamo le differenze:

  • Vetri Anti Vandalismo : Sono i vetri più spesso utilizzati nei serramenti e vengono spacciati per vetri di sicurezza contro i tentativi di furto. In realtà questi proteggono contro il lancio di pietre e contro piccoli attacchi di vandalismo, non resistono a ripetuti attacchi continui.
  • Vetri Anti Crimine : Sono i vetri da utilizzare su tutti i tipi di Porte e Serramenti Blindati . In base alla classe di resistenza a cui si vuole arrivare, si adotterà il vetro adeguato. Ad esempio su una porta blindata con classe di resistenza RC 3 il vetro indicato deve corrispondere alla classe P5A , mentre per una classe RC 4 si utilizzerà un vetro P6B.
  • Vetri Anti Proiettile : Questo tipo di vetri deve superare le così dette prove balistiche , cioè test effettuati con varie tipologie di armi . In base ai risultati ottenuti vengono classificati in classi a salire da BR1 fino a BR7.
  • Vetri in Policarbonato: La nuova frontiera dei vetri anti-crimine anti- proiettile è sicuramente rappresentata dai vetri camera accoppiati con lastre in Policarbonato extra chiaro certificato anti delaminazione. I vantaggi sono: altissime caratteristiche di resistenza allo sfondamento fino a P8B (oltre 70 colpi di mazza praticati sullo stesso punto di impatto) e anti proiettile fino a BR6 ( resistente ai proiettili sparati da un fucile calibro 7,62 ) , e soprattutto il peso ridotto del 40% rispetto ad un vetro stratificato con le stesse prestazioni.

Infine i vetri possono essere trasparenti, satinati o del tipo Stop Sol (riflettenti). In tutti i casi sono sempre abbinati a vetro camera con gas argon o kripton e vetri anti infortunio.

Di seguito tabella rappresentativa sull’abbinamento Porta Blindata Vetrata e relativo vetro blindato da abbinare in base alla classe di resistenza della stessa in versione cieca.

3MTECNOFER sulle porte blindate vetrate monta di serie solo vetri con caratteristiche prestazionali P6B o Policarbonato (su richiesta specifica) .

Porte blindate: sicurezza e design

Le moderne abitazioni siano esse case singole o appartamenti in condominio, devono essere progettate ed edificate con tecnologie e materiali rispondenti a dei rigorosi parametri costruttivi quali ad esempio : caratteristiche anti sismiche , isolamento termico ed acustico , solo per accennarne alcuni. Un’ aspetto sottovalutato fino a pochi anni fa era la sicurezza passiva , cioè la protezione delle case e soprattutto delle persone con prodotti e sistemi passivi dai sempre più frequenti tentavi di effrazione da parte dei ladri e malintenzionati. A questo riguardo la Porta Blindata d’ingresso è il primo baluardo tra la nostra famiglia e il mondo esterno e un mix di sicurezza e design. Una buona porta blindata deve avere una forte resistenza allo scasso, prestazioni termiche ed acustiche conformi alle attuali norme edilizie e possibilmente rappresentare esteticamente le linee architettoniche esterne nonché i gusti e il carattere di chi ci vive. 

porte blindate di design

Portone blindato: quali caratteristiche ed elementi deve avere?

La sicurezza passiva della casa singola e dell’appartamento è una necessità imprescindibile nel nostro vivere quotidiano. Per soddisfare tale esigenza, le porte blindate devono avere :

– un controtelaio che è una struttura in acciaio presso piegato, collocata tra il muro e il telaio della porta e fissata con tasselli chimici , zanche cementate o speciali perni in acciaio;
– un telaio fissato al controtelaio tramite viti speciali ad alta resistenza, in modo che anta e controtelaio formino un corpo unico il battente costruito in mono o bilamiera di acciaio rinforzato con omega di acciaio , la coibentazione interna e un kit di guarnizioni di tenuta termo acustica
– delle cerniere che, essendo elementi in acciaio saldati tra il telaio e l’anta, consentono la rotazione della porta.
– una serratura di alta sicurezza di ultima generazione con trappola anti perforazione e piastra al manganese
– il cuore di quest’ultimo elemento è il cilindro anti trapano – anti fresa
– il defender che è una calotta in acciaio temperato, che protegge ulteriormente il cilindro da perforazioni e strappi che possono provocare l’apertura forzata della serratura della porta;
– dei catenacci mobili comandati dalla serratura e distribuiti su tutta l’altezza più dei rostri fissi o mobili saldati sul lato delle cerniere
– I rivestimenti esterno ed interno che daranno l’aspetto estetico alla porta blindata

Sono proprio i rivestimenti , elementi finali, collocati a finitura della porta blindata, che determinano il risultato finale , se ne possono scegliere tra tanti presentati in commercio, quelli che più si addicono ai propri gusti.

porte blindate di design

Quando fosse possibile, soprattutto nelle abitazioni unifamiliari, nelle villette o nelle ville di pregio , l’ideale è affidarsi ad aziende che producono Porte Blindate Personalizzate che vi possono offrire una gamma infinita di rivestimenti costruiti con materiali storicamente utilizzati quali : Legni masselli, Multistrati Marini per esterni o Mdf per i rivestimenti interni in special modo quelli laccati. Le aziende che hanno fatto della ricerca e sperimentazione il loro obiettivo primario , sono in grado di proporre rivestimenti e finiture di altissimo impatto estetico utilizzando materiali fino ad ora sconosciuti nel campo delle Porte Blindate come ad esempio: Lamiere di acciaio , Ceramiche e Marmi ultrasottili, Pietra ricostruita , Arenaria ed altri ancora. Anche sulle finiture definite Materiche hanno stabilite una nuova frontiera sulla personalizzazione dei rivestimenti.

Anche gli accessori , come maniglioni , maniglie o mostrine di complemento, danno un’ulteriore tocco di esclusività alla Porta Blindata Personalizzata.

Possiamo infine affermare senza dubbio che in questo caso entriamo nel mondo delle Porte Blindate di Design.

3MTecnofer persegue questo obiettivo da diversi anni, e ad oggi si può affermare che il forte incremento di domanda per questo prodotto che offre : grandi prestazioni di sicurezza, termiche, di isolamento acustico ma soprattutto di Grande Design, sta dando ragione sulle scelte dei titolari e di tutto lo staff 3MTecnofer.

Il Glossario della porta blindata

Una porta blindata è sinonimo di sicurezza per la tua casa. Nonostante la sua installazione può essere gravosa, avendone una eviterete il rischio di visite di malintenzionati che ne approfittano della vostra assenza per entrare in casa.

Cercheremo di capirne le parti essenziali dandovi questo glossario della porta blindata.

Alluminio: è uno dei materiali utilizzati per il rivestimento esterno. Resistente a qualsiasi tipo di agente atmosferico, è ideale per la parte di porta che da’ all’esterno. Disponibile liscio o con dei disegni e finiture da scegliere su un ampio catalogo.
Anta: in acciaio zincato, pressopiegata e irrigidita da elementi di rinforzo che vengono saldati su quello che è l’elemento mobile della porta blindata. Al suo interno troviamo il gruppo di chiusura, essa può essere di dimensioni standard o fatta su misura a seconda delle esigenze
Antieffrazione: secondo la normativa ENV 1627/30 la porta viene sottoposta a test che serve a capire il grado di resistenza ai tentativi di scasso. Ogni produttore invia a un laboratorio specializzato 2 campioni da testare, dopo prove specifiche viene assegnata una classe di resistenza dalla 1 alla 6.
Apertura porta blindata con scheda: è possibile solo se la porta è chiusa ma non a chiave. La tecnica prevede di inserire una scheda di plastica tra porta e telaio, la si fa scivolare verso la serratura. Si incontrerà lo scrocco che si disinserisce tirando leggermente a sé la porta. La porta si può definire blindata solo dal momento in cui viene chiusa a chiave.
Battuta a pavimento: detta anche soglia a pavimento, é in alluminio e le guarnizioni della parte inferiore si chiudono a pressione. Questo tipo di guarnizioni sono utili per le porte che danno all’esterno perché più della soglia mobile riesce a difendere da acqua e aria provenienti dall’esterno.
Boiserie: rivestimento della parete adiacente alla porta con legno, alluminio , ceramica ecc.
Bumpking: è una tecnica di apertura applicabile per il cilindro europeo. Si può utilizzare questa tecnica con una chiave a battito o con uno strumento elettronico che permette l’immediata apertura dei cilindri di tipo economico.

3MTECNOFER-PORTEBLINDATE-VETRATE-MODERNE

Cantiere: la porta da cantiere è una porta con scarsa protezione anti scassinamento.
Condominio: la porta da condominio non è esposta alle intemperie, ecco perché è spesso rivestita in semplice laminato.
Certificazione CE: essa è rilasciata in seguito a dei test fatti in laboratori per definire il grado di permeabilità ad acqua e aria e di isolamento acustico che la porta permette.
Cilindro europeo: è la parte più importante della porta, esso si apre attraverso una chiave che ha incise su di sé delle lavorazioni che permettono di aprire esclusivamente la porta per cui quella chiave è stata progettata. Per la riproduzione c’è bisogno di una scheda che verrà consegnata al momento della richiesta della duplicazione.
Codolo: è la variante del cilindro europeo, la porta dalla parte interna può essere aperta da una comoda manopola che dovrà essere solo girata.
Defender: è ciò che protegge il cilindro dai tentativi di effrazione.
Deviatori: aumentano i punti di chiusura della porta. Sono scatole che contengono i catenacci che vengono azionati dalla serratura
Falso telaio: é la parte in acciaio che viene fissata alla parete e a cui si fissa il telaio vero e proprio. È importante che i due aderiscano perfettamente.
Fianco luce: è la finestratura fissa che può trovarsi su uno o due lati del portone blindato. È possibile anche la finestratura, con una lastra di vetro Anticrimine centrale o il sopraluce, se l’apertura è sulla parte superiore.
Incontro elettrico: è il sistema più semplice ma poco sicuro che permette l’apertura del portone dal citofono.

Grate avvolgibili blindate a scomparsa: sono sicure?

Cosa sono le grate avvolgibili a scomparsa blindata?

Le grate avvolgibili blindate a scomparsa sono la soluzione pratica e ideale per avere il massimo della sicurezza in casa per i serramenti di medie o grandi dimensioni che non sono dotati di protezione esterna.

Tra le tante opzioni offerte, questa è sicuramente quella che rende la casa maggiormente elegante, alla moda e sicura. Le grate avvolgibili blindate a scomparsa sono ideali soprattutto per le grandi vetrate che portano luce nell’ambiente, oscurando anche i serramenti più grandi con la massima sicurezza.

inferriate e grate di sicurezza grate avvolgibili

Per cosa si differenziano le grate avvolgibili a scomparsa blindata?

La tipologia e i costi sono variabili poichè dipendono da una serie di fattori: dimensioni del serramento, numero di doghe e ovviamente materiale, colore e struttura. Le grate avvolgibili blindate a scomparsa sono realizzate con doghe in acciaio zincate e verniciatura finale con vernici termoindurenti poliesteri per esterni.

Le doghe sono collegate tra loro con speciali bielle inserite in un apposito alloggiamento ricavato sulla doga stessa, mentre i cassonetti di contenimento sono costruiti con telaio in acciaio zincato e verniciato come la grata. Il plus è sicuramente la differenza di spazio con le normali strutture, queste non richiedono un’apertura battente e di conseguenza, scorrendo, non comportano nessuna perdita di spazio.

Sono sicure le grate avvolgibili blindate a scomparsa?

Le grate avvolgibili blindate a scomparsa sono estremamente sicure e rappresentano una delle scelte migliori per chi vuole coniugare design e protezione del proprio ambiente domestico. Le grate avvolgibili blindate a scomparsa sono dei sistemi azionabili con radiocomando che si bloccano automaticamente garantendo una sicurezza antieffrazione, impossibili da scardinare.

Al loro interno, i profili sono rinforzati con appositi materiali che ne rendono impossibile la violazione. Grazie al lavoro di specialisti del settore è possibile ottenere una corretta installazione con sistema brevettato di bloccaggio automatico anti-sollevamento che lo rendono ancora più sicuro. Resta fondamentale rivolgersi a personale qualificato, scegliendo prodotti certificati, per una corretta installazione del prodotto scelto.