Come difendersi dai ladri: buone abitudini e porte e portoni sicuri

Come difendersi dai ladri è un tema sempre molto caldo e le strategie e i trucchi per evitare che i malviventi penetrino nelle nostre abitazioni diventano perfino dei trend sui canali social.

Piccole precauzioni, nascondigli incredibili, piccole furberie per dissuadere e scoraggiare.

Anche i ladri, però, hanno un profilo Facebook e Instagram e sanno quali trucchetti utilizziamo per sembrare presenti in casa, o in quali intercapedini mettiamo al riparo i nostri valori.

Allo stesso modo i malintenzionati possono sbirciare foto e capire le abitudini delle vittime.

Scegliere quale casa, ufficio o negozio derubare viene fatto con cura, valutando non soltanto il presumibile bottino, ma anche la facilità con cui realizzare il colpo.

Naturalmente, gli immobili lasciati spesso incustoditi sono un obiettivo ideale per i ladri, soprattutto se si trovano in zone tranquille o addirittura isolate. 

Ciò non vuol dire che dobbiamo rinunciare alla nostra privacy e alle abitudini di vita, ma significa che dobbiamo adottare maggiore prudenza ed essere più avveduti sui metodi per difendersi da intrusioni esterne.

Sapere dunque come difendersi dai ladri ci consente di usare ogni strategia possibile a nostro favore per disincentivare a puntare proprio alla nostra proprietà.

Come difendersi dai ladri: breve vademecum per scoraggiare

  • limitare al minimo le informazioni diffuse riguardo nuovi acquisti luxury come gioielli, dispositivi tech, ecc.
  • non tenere in casa denaro contante
  • illuminare bene gli esterni, compresi i giardini
  • chiudere sempre la porta a chiave
  • utilizzare sistemi di domotica
  • installare telecamere
  • installare dispositivi di protezione alle finestre
  • installare porte blindate di classe adeguata
  • utilizzare un impianto di allarme di nuova generazione.

Al di là delle abitudini di vita e di accorgimenti strategici, come avere sempre una buona illuminazione interna ed esterna e simulare anche attraverso la domotica di essere presenti in casa, il miglior sistema anti intrusione resta sempre la valutazione dei punti di fragilità e la loro messa in sicurezza.

Porte e finestre sono i punti d’accesso privilegiati, ragion per cui bisogna rivolgersi a professionisti e fornitori seri che sappiano indirizzarci alla classe antieffrazione adeguata alle nostre esigenze e che forniscano anche certificati congrui.

Gli esperti di 3MTecnofer sapranno consigliare il grado di resistenza perfetta per le nostre necessità tra sei diversi livelli.

La certificazione in classe 3 o 4 è quella che viene suggerita per gli appartamenti nei condomini mentre ville e villette per natura maggiormente isolate sono indirizzate verso la classe 4.

Le classi di sicurezza hanno innalzato di molto il livello di protezione, ma non bisogna mai abbassare la guardia e agire sempre con discrezione.

Come difendersi dai ladri se ci capita di trovarli in flagranza di reato?

Se rientrando notiamo che la porta è socchiusa o che la serratura è stata manomessa, dobbiamo assolutamente evitare di irrompere in casa.

Possiamo provare a chiudere la porta, allontanarci e allertare immediatamente le forze dell’ordine. 

Anche se siamo certi che i delinquenti hanno abbandonato la nostra casa, lasciamo che siano le forze dell’ordine ad entrare per prime, così da verificare la situazione e tenerci al riparo da situazioni di pericolo.

Contattaci per acquistare i serramenti blindati firmati 3M Tecnofer.

Porta blindata con vetro antisfondamento
Torna in alto

Vi comunichiamo che la nostra azienda sarà chiusa per le Festività Natalizie

dal 23 Dicembre al 1° Gennaio

Buone Feste da 3M Tecnofer!