Come pulire gli infissi in PVC?

Uno dei problemi più comuni degli infissi in PVC è la tendenza a ingiallirsi nel tempo: i serramenti trascurati sono segno di incuria e peggiorano il tenore della casa e la resa estetica dell’ambiente.

Nonostante questo inconveniente, è possibile riportare infissi e serramenti in PVC al loro antico splendore, con alcuni trucchi del mestiere.

Gli agenti esterni come polvere, smog, ma anche i raggi del sole provocano l’ingiallimento degli infissi bianchi in PVC, che perdono la loro originaria eleganza e sembrano vecchi e usurati soltanto dopo un anno.

Il PVC è un materiale economico che assicura una buona tenuta e un’ottima resistenza, ma va pulito a fondo e periodicamente, altrimenti la polvere può depositarsi e creare una patina anti-estetica.

Proseguendo con la lettura di questo articolo si scopriranno tutte le strategie per tenere pulite le finestre, le porte e le porte-finestre in PVC, mantenendo gli infissi belli più a lungo.

Guida pratica per pulire gli infissi in PVC

1. La pulizia profonda

La prima cosa da fare è eliminare la polvere che si deposita nei fori che scaricano l’acqua piovana: si raccomanda di usare un panno bianco pulito e asciutto che non lasci graffi e residui di pelucchi.

I piccoli fori si intravedono tra le scanalature delle finestre in PVC: grazie a questi stratagemmi l’infisso garantisce la migliore tenuta dell’acqua e non fa entrare la pioggia. Nonostante l’utilità dei fori, al loro interno si depositano residui di sporco e di polvere che vanno eliminati, altrimenti rovinano le finestre con l’incedere del tempo.

Il primo passaggio consiste nell’effettuare una prima pulizia di sgrosso con un panno pulito, meglio ancora se in tessuto di microfibra, morbido e assorbente.

2. Lavaggio con acqua e sapone neutro

Il secondo step consiste nel detergere gli infissi con acqua tiepida e sapone neutro diluito in acqua, usando una spugna morbida.

Per rendere più bianchi gli infissi in PVC si può utilizzare una miscela green e naturale al 100%, composta da acqua, aceto e bicarbonato di sodio.

Si raccomanda di non usare detersivi aggressivi e con tensioattivi sgrassanti troppo forti che possono graffiare e rovinare il materiale.

Mai usare sostanze chimiche corrosive.

3. Trattamento periodico a base di bicarbonato

Si consiglia di provvedere di frequente, almeno una volta alla settimana, a un trattamento a base di acqua e bicarbonato di sodio, da lasciar agire per 10 minuti e poi risciacquare con un panno pulito.

Il bicarbonato di sodio è una sostanza in grado di sgrassare e pulire a fondo in modo del tutto naturale, senza corrodere né rovinare lo smalto del PVC.

Rimedio naturale conosciuto da centinaia di anni, è il preferito dalle nonne e da chi ha abbracciato una vita sostenibile ed ecologica, a partire dalle pulizie domestiche.

Il bicarbonato (disponibile in polvere da sciogliere in acqua) è uno sbiancante naturale molto potente: si consiglia di diluirlo in acqua e di passarlo con una spugna o un panno pulito su tutta la lunghezza dei serramenti, insistendo sulle zone più ingiallite.

Le finestre in PVC ritroveranno subito la loro lucentezza e saranno come nuove.

Contattaci per acquistare i serramenti blindati firmati 3M Tecnofer.

infissi in PVC