I serramenti blindati costituiscono il Top del sistema antieffrazione passivo degli infissi, con il principale obiettivo di evitare l’intrusione di malintenzionati negli ambienti interni e preservare la sicurezza di chi vi abita.

Per rispondere ai requisiti minimi di efficienza, i serramenti blindati devono possedere determinate caratteristiche, sia per quanto riguarda la struttura che per quel che attiene all’installazione.

Le principali caratteristiche dei serramenti blindati

Il termine “ serramento blindato” definisce un infisso che è costruito con una parte in acciaio e dotato di vetri anti crimine e/o anti proiettile in base alla funzione richiesta e dei meccanismi di bloccaggio ad alta resistenza.

I primi serramenti blindati venivano costruiti con dei profilati in acciaio senza taglio termico, cioè senza l’inserimento centrale del profilo di uno speciale nucleo plastico che limitasse il ponte termico. Venivano installati vetri blindati di grande spessore ma poco isolanti termicamente, mentre il bloccaggio di sicurezza era affidato a semplici serrature commerciali.

L’evoluzione dei sistemi produttivi dei vari profili siano essi in acciaio o alluminio a taglio termico per arrivare agli estrusi in PVC, alle sempre più alte prestazioni anti crimine dei vetri e delle loro prestazioni termo acustiche, ha reso possibile progettare e realizzare serramenti di altissima sicurezza, dalla classe RC3 fino alla RC5. 

Per le sostituzioni è sicuramente consigliabile il serramento in PVC Sekurtec® l’unico nel suo genere certificato RC3. Chiariamo che la certificazione riguarda l’intero serramento quindi: Telaio, Anta, Vetro e Ferramenta. In commercio si possono trovare serramenti che montano ferramenta RC2 o RC3, ma dovrete richiedere sempre la certificazione dell’intero infisso. Per vedere il test reale eseguito presso un ente certificato, clicca qui

Il serramento blindato al top delle performance è sicuramente quello prodotto partendo da profili in acciaio a taglio freddo come Tecnoblind®, o a taglio termico con rivestimento in legno su due lati o semplicemente verniciato nelle tinte Ral, cerniere saldata ad anta e telaio, rostri di sicurezza lato cerniere e sistemi di bloccaggio appositamente realizzati per telai dalle ridotte dimensioni. I nuovi vetri anti crimine ed anti proiettile proposti in versione camera singola o doppia camera.

I serramenti blindati devono innanzitutto offrire adeguata resistenza nei confronti degli agenti atmosferici, per garantire prestazioni efficaci nel corso del tempo.

E’ necessario individuare gli elementi che incidono maggiormente sul risultato finale, in termini di qualità e sicurezza: pertanto, 3M Tecnofer propone ai clienti una vasta gamma di serramenti blindati tra cui scegliere, adattando ciascun modello a qualsiasi esigenza e necessità.

Il materiale riveste un ruolo di fondamentale importanza: in questo caso, il PVC è in grado di garantire un elevato grado di resistenza agli agenti atmosferici, all’uso e al tempo, perché è un componente durevole e, installato con adeguati vetri antisfondamento e ferramenta antintrusione, è un ottimo deterrente nei confronti degli accessi non autorizzati e non necessita di alcuna manutenzione esterna.

L’acciaio rappresenta IL TOP di protezione, tant’è che i serramenti blindati, che presentano telaio e controtelaio in questo materiale, assicurano -insieme ad adeguati vetri antiscasso-, un elevatissimo livello di sicurezza fino a classe RC5, sia nei contesti urbani che in quelli più isolati.

In linea generale, il prodotto ideale di un serramento blindato deriva dalla corretta combinazione tra il profilo dell’infisso, il suo sistema di chiusura e il vetro; per questo motivo è indispensabile scegliere serramenti blindati sufficientemente a tenuta termo acustica che dispongano di sistemi di bloccaggio efficienti e brevettati, oltre che vetri blindati certificati, come i prodotti di 3M Tecnofer.

Per verificare le prestazioni in base a parametri definiti e stabiliti a livello generale, la classe di sicurezza costituisce un metro che i clienti possono consultare e utilizzare come termine di paragone tra diversi prodotti, con il supporto di un produttore specializzato come 3M Tecnofer, che sappia illustrare le caratteristiche d’insieme dei serramenti blindati.

Le classi di sicurezza esprimono il rapporto tra la resistenza degli infissi, il tipo di scassinatore (da occasionale ad esperto), il tipo di materiali usati per l’effrazione, e il tempo occorrente per rompere il serramento e, di conseguenza, accedere ai locali interni.

La classe 1 indica un basso livello di sicurezza, mentre la 6 rappresenta la massima protezione dalle effrazioni, con tempistiche di scasso intorno ai 20 minuti. Per i contesti abitativi, è sufficiente scegliere la classe 3 per i serramenti blindati, che negli ambienti domestici sono i più indicati.

I serramenti blindati dalle prestazioni più elevate

L’azienda 3M Tecnofer è specializzata, da decenni, nella progettazione e realizzazione di serramenti blindati, con la produzione di infissi su misura certificati, e dalle elevate caratteristiche di sicurezza e isolanti.

In particolare, il modello Tecnoblind®, che prevede telaio e controtelaio realizzati in acciaio, offre un elevato livello di sicurezza classe 3 certificata.

Il sistema di bloccaggio e le serrature di Tecnoblind® comprendono pistoni con catenaccio a leva, maniglie di sicurezza e cerniera regolabile in acciaio.

Montato con vetri antiscasso, antiproiettile e anti mazza, questo modello garantisce il massimo della sicurezza in ambito domestico.

I serramenti blindati in PVC Sekurtec®, classe 3, sono composti da un telaio di 74 cm, anima in acciaio e ferramenta disposta sul perimetro dell’infisso, all’interno del quale è fissato il vetro stratificato, che dispone della certificazione P5A.

L’installazione

Affinché il serramento svolga la funzione per cui è stato progettato, deve essere installato secondo le norme previste dal manuale di posa in opera corretta. Le procedure e i sistemi di fissaggio dei serramenti blindati sono diversi dai tradizionali serramenti. I punti di bloccaggio del telaio sono distribuiti in base alla larghezza ed altezza del serramento, i materiali utilizzati sono appositamente progettati per essere fissati al muro in profondità e per resistere ai tentativi di forzatura e di leva tra telaio e muratura, onde evitare che l’intero infisso venga divelto dal muro. Per questo motivo 3MTecnofer si avvale esclusivamente di tecnici specializzati certificati.

In particolare, il modello Tecnoblind®, che prevede telaio e controtelaio realizzati in acciaio, offre un elevato livello di sicurezza classe 3 certificata.

Il sistema di bloccaggio e le serrature di Tecnoblind® comprendono pistoni con catenaccio a leva, maniglie di sicurezza e cerniera regolabile in acciaio.

Montato con vetri antiscasso, antiproiettile e anti mazza, questo modello garantisce il massimo della sicurezza in ambito domestico.

I serramenti blindati in PVC Sekurtec®, classe 3, sono composti da un telaio di 74 cm, anima in acciaio e ferramenta disposta sul perimetro dell’infisso, all’interno del quale è fissato il vetro stratificato, che dispone della certificazione P5A.